Home

Il Buso della Rana è una delle poche grotte italiane ad essere state inserite nell’elenco dei Siti d’Interesse Comunitario (SIC IT3220008) della rete Natura 2000. Grazie alle sue peculiarità, merita rispetto e tutela da parte di tutti i visitatori e dalle amministrazioni del territorio.

MQuadro, l’ultimo dei rami scoperti

Articolo di Sandro Sedran, foto S-Team Nel 2008 veniva scoperto sopra il…

View more

Manutenzione a ferrata e scaletta nel Ramo Principale

Gli speleologi di Malo ci informano che hanno provveduto alla sostituzione del…

View more

Trovata una relazione esplorativa del 1934

Maurizio Da Meda, uno degli esploratori vicentini del secolo scorso, rovistando nell’archivio…

View more

Le anguane

testo di Renato Gasparella, Centro Studi del Priaboniano tratto dagli atti del…

View more

Dove dormire: Albergo Rocolo Rossato

Rocolo Rossato è un albergo-ristorante a conduzione familiare situato sull’altopiano di Faedo,…

View more

Franoso

Ramo Franoso La Sala Tira Bora è il punto d’accesso a questo…

View more

Immagini dal Ramo Principale di Sinistra

Il Ramo Principale di Sinistra si stacca dal Ramo Attivo di Destra…

View more

Attenzione! Il Buso della Rana è una cavità labirintica ad andamento sub-orizzontale percorsa da numerosi torrenti. In caso di pioggia molti tratti di gallerie vengono rapidamente allagati rendendo impossibile il ritorno all’esterno. La Valutazione del regime idrico richiede una conoscenza specifica della cavità. L’accesso oltre il sifone è consigliato solo ad esperti speleologi o accompagnati da essi; le diramazioni interne NON sono segnate e bisogna conoscere la strada.

Mantenete pulita la grotta! Sia dentro che fuori: non abbandonare rifiuti e soprattutto non fare segni sulle pareti. Se proprio volete vivere l’avventura dell’esplorazione, segnate il percorso con i classici omini di pietra.

I commenti sono chiusi